AGEVOLAZIONI CONTRIBUTI - iess-service Servoscala, Montascale, impianti elettrici

Vai ai contenuti

Menu principale:

AGEVOLAZIONI CONTRIBUTI

 

SCARICA DOCOMENTI


Contributi Legge 13 / 89

Tutte le informazioni fornite in questa pagina sono fornite in completa buona fede al solo scopo di aiutare il visitatore. La IESS Service non si assume nessuna responsabilità per eventuali errori e/o omissioni.

Chi ha diritto al contributo?

Il contributo viene rilasciato a favore di chiunque sia portatore di “menomazioni o limitazioni funzionali permanenti” che determinino obiettive difficoltà alla mobilità; pertanto non è necessario essere formalmente riconosciuti invalidi, ma presentare una patologia tale da rendere impossibile, difficoltoso o pericoloso affrontare a piedi una rampa di scale.

Come fare la domanda di contributo?

La domanda di contributo va presentata nel Comune dove è situato l’immobile e nel quale si abbia la residenza o comunque la “stabile ed abituale dimora”.

Che documentazione allegare?

La documentazione da allegare (congiuntamente ad una marca da bollo da 14,62 €) è la seguente:

  • Certificato medico in carta semplice attestante la menomazione funzionale e permanente che rende necessaria l’opera.

  • Un preventivo descrittivo delle opere.

  • L’autocertificazione del richiedente dalla quale si evinca: l’ubicazione dell’immobile, le difficoltà da superare, le opere che si intendono eseguire. Va anche dichiarato che queste opere non sono già esistenti e nemmeno in corso di esecuzione, e che per esse non è ancora stato concesso altro contributo.


A quanto ammontano i contributi?


Il contributo previsto dalla legge 13/89 è concesso in misura pari a tutta la spesa effettivamente sostenuta per costi fino a 2.582,28 € IVA Inclusa. A questa va aggiunto il 25 % della cifra eccedente i 2.582,28 € fino ad un massimo di 12.911,42 €. Nel caso di importo pagato IVA Inclusa superiore a 12.911,42 € è previsto un ulteriore 5 % sulla differenza.

Sgravi fiscali

Che cosa sono le detrazioni fiscali?

Sono la possibilità di mettere a spesa, sulla vostra denuncia dei redditi, cifre in percentuale dell’ammontare da voi speso. Concretamente si tratta della diminuzione delle tasse da pagare.

Chi ha diritto alle detrazioni?

La detrazione del 19 % è riconosciuta a tutti coloro che risultino ufficialmente invalidi dalle ASL o da enti preposti (invalidità al 100%).

La detrazione del 50 % può essere applicata a qualsiasi contribuente sia esso proprietario dell’immobile o in affitto dello stesso.

Le due detrazioni sono cumulabili.

Come fare la domanda di detrazione?


Per il 19% non occorre fare alcuna domanda. L’importo viene detratto dalla Dichiarazione dei Redditi.

Per il 50 % effettuare il pagamento dell’impianto mediante bonifico bancario indicando nella causale di pagamento: Impianto per l’Abbattimento delle Barriere architettoniche, il numero della fattura ed il codice fiscale del beneficiario della detrazione. L’importo pari al 50 % della spesa verrà detratto nella dichiarazione dei redditi in 10 anni.

Al momento che scriviamo (Agosto 2012) sembra assodato che lo sgravio sia passato 36% al 50% (Decreto Sviluppo 2012). Consigliamo comunque di consultare un sindacato di categoria od un professionista.

Che documentazione allegare?


Per poter usufruire di queste detrazioni è necessario presentare il Modello UNICO o il modello 730 per la Dichiarazione dei Redditi.

In entrambi i casi verrà allegata la fattura di spesa inclusiva di IVA, il Certificato di conformità dell’impianto ed il progetto dell’impianto nel suo sviluppo.

Per la detrazione del 50% dovrà essere allegato il modulo di detrazione che rilascia la propria banca a seguito del pagamento effettuato a mezzo bonifico.

Permessi e normativa

Norme principali

Le norme generali di riferimento per i montascale e le piattaforme elevatrici sono: la Legge 13/89 ed il suo regolamento attuativo DM 236/89, la Direttiva Macchine 2006/42/CE e le norme di prodotto EN 81-40 ed EN 81-41.

Montascale serie CS e CP

Per quanto riguarda gli aspetti normativi valgono le già citate norme principali.

Per quanto riguarda i permessi comunali, non servono permessi comunali o regionali per installare il montascale, mentre si ricorda si ricorda che per presentare la domanda di contributo serve l’assenso scritto del condominio (nel caso si operi in tale situazione).

Manutenzione montascale:

Per tutti i prodotti che trasportano persone la manutenzione è obbligatoria: 2 visite di manutenzione ordinaria annuali più una visita ispettiva di controllo biennale. Il comune rilascia il numero della licenza che è gratuita. Si segnala che, senza le 2 visite annuali di manutenzione e la visita biennale di controllo, molti comuni non accettano di erogare i contributi.

Si ricorda alla clientela che la manutenzione su un montascale (a poltrona e a pedana) o una piattaforma elevatrice per disabili va fatta obbligatoriamente da personale abilitato e con patentino prefettizio. Prima di affidare la costruzione dell’impianto a qualsivoglia azienda è bene verificare l’esistenza del predetto patentino.

Qui la nostra sezione del catalogo relativa ai montascale per disabili.

Piattaforme elevatrici serie CE

Per quanto riguarda gli aspetti normativi valgono le già citate norme principali.

Normalmente in caso di installazione all’interno dell’abitazione non occorrono permessi comunali.

In caso di installazione all’esterno dell’abitazione sarà necessario presentare una DIA (o pratica similare). Bisognerà inoltre verificare se sia necessaria l’approvazione della Commissione Paesaggistica.

Manutenzione piattaforme elevatrici-elevatori per disabili:

Per tutti i prodotti che trasportano persone la manutenzione è obbligatoria: 2 visite di manutenzione ordinaria annuali più una visita ispettiva di controllo biennale. Il comune rilascia il numero della licenza che è gratuita. Si segnala che, senza le 2 visite annuali di manutenzione e la visita biennale di controllo, molti comuni non accettano di erogare i contributi.

Si ricorda alla clientela che la manutenzione su un montascale (a poltrona e a pedana) o una piattaforma elevatrice per disabili va fatta obbligatoriamente da personale abilitato e con patentino prefettizio. Prima di affidare la costruzione dell’impianto a qualsivoglia azienda è bene verificare l’esistenza del predetto patentino.

Qui la nostra sezione del catalogo relativa alle piattaforme elevatrici per disabili.


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu